Analisi Discorsiva sulla Norma Giuridica e l’Ordine Statale

La norma giuridica, tessitrice invisibile delle relazioni sociali, si erge come una regola preesistente destinata a modellare astrattamente il comportamento dei membri di una comunità. Il suo amalgama con altre norme simili plasma l’ordinamento giuridico, noto anche come diritto oggettivo, che funge da cornice normativa per la società.

Le norme giuridiche, custodi di peculiarità distintive, presentano diverse sfaccettature che contribuiscono a delineare la loro essenza:

Innanzitutto, la generalità delle norme giuridiche le indirizza non solo a individui specifici ma piuttosto alla generalità dei consociati o a gruppi più o meno estesi. Esse, per la loro natura, non si piegano alle idiosincrasie individuali, ma abbracciano una vastità di situazioni che si possono riscontrare nella società.

L’astrattezza è un loro tratto distintivo, poiché si occupano di fattispecie astratte, formulando principi che successivamente possono essere applicati a casi specifici.

La loro esteriorità si traduce nella focalizzazione sull’azione manifestata esternamente dai soggetti, indifferenti alle intenzioni e motivazioni che guidano il singolo individuo.

L’imperatività delle norme giuridiche emerge nel fatto che la loro osservanza è prescritta con vigore, e la mancata conformità è passibile di sanzioni. Tale caratteristica è essenziale per garantire l’efficacia del sistema giuridico, stabilendo un nesso diretto tra obbligo e conseguenze legali.

Inoltre, la positività delle norme giuridiche sottolinea la loro genesi in un contesto storico specifico, concepite per un gruppo sociale determinato.

L’ordinamento giuridico, composto da un insieme di norme che regolamentano sia i rapporti che s’instaurano tra i membri di una collettività sia l’organizzazione che ne disciplina il funzionamento, trova la sua definizione più concreta nello Stato.

L’ordinamento giuridico, propugnatore di regole vincolanti munite di sanzioni, si configura come il collante che tiene insieme la trama sociale. La sua peculiarità risiede nella sua portata universale e nella sua focalizzazione su finalità generali, con lo Stato come archetipo di ordinamento giuridico statale. Esso, nella sua complessità, rappresenta la quintessenza delle norme giuridiche, imponendo un ordine che permea le interazioni umane e assicura la stabilità nella convivenza sociale.